Riassunto

Bibbiena. Dodicimila anime in provincia di Arezzo. In un punto qualunque degli anni Novanta, Sebastiano deve fare il servizio civile. Ha il sospetto che sarà un anno rubato alla sua vita, invece sarà l'anno che alla vita lo restituirà, cambiato, con meno paure, con la capacità di restare, finalmente, fermo.

Nuovo

Fermo

Bibbiena. Dodicimila anime in provincia di Arezzo. In un punto qualunque degli anni Novanta, Sebastiano deve fare il servizio civile. Ha il sospetto che sarà un anno rubato alla sua vita, invece sarà l'anno che alla vita lo restituirà, cambiato, con meno paure, con la capacità di restare, finalmente, fermo.

Gli amari consigli

Il quotidiano e il soprannaturale si intrecciano, in questo nuovo romanzo grafico di Nicolò Pellizzon, reduce del successo di critica e di pubblico di Lezioni di anatomia. In questo nuovo libro, stampato in tricromia (nero-arancio-rosa), l'autore veronese dà prova di enorme maturità artistica e narrativa, sospendendo l'incredulità del lettore a una tale vertiginosa altezza da rendere impossibile posare il libro prima di averlo finito. La storia di Sara, le cui visioni ultraterrene si mescolano alla vita di un'ordinaria precaria del Ventunesimo Secolo è la perfetta sintesi di autorialità e godibilità della lettura.

Il settimo splendore

A volte non fare gli stessi errori dei propri genitori è questione di vita o di morte. Senza la madre ad accompagnarlo, per Modì Parigi è un luogo nuovo, meno familiare, meno accogliente. Forse però è lui che non si sente veramente a casa in nessun luogo, ormai. E più si avvicina alla verità, meno è sicuro di volerla sapere.

In inverno le mie mani sapevano di mandarino

Un uomo dalla memoria estremamente labile che decide di comprarne una nuova per l'anziana nonna smemorata. Una Milano onirica e opportunamente grigia che si colora di lampi sgargianti quando i ricordi sfuggono al controllo.

Ogni piccolo pezzo

Dopo "Semplice", Stefano Simeone si cimenta con un romanzo grafico corale, ricco di intrecci narrativi, che segue quasi vent'anni di vita di un gruppo di amici i cui destini sembrano destinati a incrociarsi ancora e ancora, per quanto la vita li possa cercare di portare via dalle poche vie del paese dove sono nati e cresciuti. L'occasione è quella di un matrimonio, ma ci vorrà il racconto di sette vite per capire chi si sposa, e con chi, e cosa sia successo di quei bambini innocenti che affrontavano il mondo per la prima volta, si sono distratti un attimo e si sono ritrovati già grandi.

Un lavoro vero

Javi ha lasciato la Spagna per Berlino. Non parla la lingua e non conosce quasi nessuno. Vuole fare il disegnatore di fumetti, ma tutti gli dicono di trovarsi un lavoro vero. Ha un disperato bisogno di credere in se stesso, e che si creda in lui. Con l'urgenza di chi vuole affermarsi, e la pazienza dell'osservatore di professione, Javi racconta il suo mondo, che diventa la sua prima vera storia a fumetti.

Al sole come i gatti

Lasciare Roma è difficile anche solo dopo pochi giorni da turista, figuriamoci se ci sei nata e l'hai vissuta per venticinque anni. A pensarci bene, forse lasciare Roma è impossibile, quindi quando parti è inutile essere triste.

Finisco di contare le mattonelle.

Chiara è innamorata di Matteo da tredici anni. Finalmente lui sembra a portata di mano, ma la vita ha il viziaccio di non andare come ci aspetteremmo noi. E forse è meglio cosi. Una storia che ci ricorda che non siamo cresciuti finché non prendiamo atto di essere cresciuti.

La generazione

La storia di Matteo che torna al paese, dopo tre anni passati a Milano, e della sua difficoltà ad accettarsi e farsi accettare. Flavia Biondi tratteggia un quadro corale profondo e toccante, con solo apparente leggerezza e una profonda consapevolezza dei propri mezzi narrativi.

Come quando eravamo piccoli

Pietro è il creatore di una serie televisiva di successo che però, stagione dopo stagione, somiglia sempre meno a ciò che immaginava e desiderava. Si prende una pausa, torna in Italia, ospite della sorella, e a una certa distanza da Hollywood si accorge che la sua vita ha lo stesso problema di sceneggiatura. Urge un cambiamento, ma non sarà facile lasciarsi vivere, per un uomo abituato a pianificare ogni dettaglio.

Ricomincia da qui

Il primo romanzo grafico di Ste Tirasso racconta un'estate vissuta da Franz, capo scout che sta pensando di rinunciare per sempre alla passione per la musica, e Samuele, giovane disegnatore in cerca di una direzione. In un'atmosfera sospesa e gravida di ricordi e presagi la loro amicizia entrerà in una nuova, più consapevole fase e probabilmente le loro vite avranno più senso.

La quarta variazione

Marco deve fare la maturità e la sola domanda che gli viene posta, da chiunque lo incontri, è la fatidica "Cosa farai dopo?" Lui sa cosa desidera, ma sa anche che non è un progetto convincente per chi lo ascolta. Marco vuole disegnare, ma disegnare non è una carriera. E c'è una persona, più di tutte, cui sarà difficile far digerire il suo bisogno di non limitare le sue scelte facendone una "normale".